Enrico Montesano FacebookEnrico Montesano Google +Enrico Montesano TwitterEnrico Montesano You Tube

Margutta 33

All'amica alla quale pocanzi dissi che avrei dedicato un mio sonetto, eccolo in anticipo rispetto a quanto detto poco fa... - 11 febbraio 2014


Il pèrgolato pènsile
 Del glìcine Lipìnsky
 Che dàr cortile amèno
 In Margutta trentatré
 S’ enfila come ‘n treno
 Arbusto sinuoso
 Su tra muschi, tubbi
 Metalli e fili..
 Fino su ar ballatòio.
 Arivava lì da me!
 Er glicine c’è ancora,
 Ma io non ci sto più.
 Lo studio era un riposo
 La quiete nelle ore,
 Dal fascino retrò,
 Spesso te ce portavo
 De notte a fa l’amore
 Salendo anche più su.
 In cima a quer terazzo
 Stellato separè..
 Poi inzieme guardavamo
 Er Pincio e Valdier!
 Passaveno le ore
 E te stavi co mme.
 Roma che spettacolo
‘N’incanto da vedè!
 Poi te lasciai anna’ via..
 Pe quela brutta arpia,
 Che quanno ce scoperse
 Pe famme più soffri’,
Lei me lo dette via
 E manco m’avverti’!
In mezzo ar petto..
 Me tirò ‘sta cortellata
 Direi ‘na mignottata
 Pensata pe’ dispetto,
 Laciamme 'sta ferita!
 Mai rimarginata..
 Mo’ ogni qualvolta passo
 Davanti al trentatré,
 Penzo a quer gran dispetto..
 E penzo pure a te!


Torna alla lista        Stampa

HOME | BIOGRAFIA | RACCOLTE | NEWS | LASCIA UN COMMENTO | GALLERY

SOCIAL NETWORK:

COPYRIGHT ©  RPS srl - P.IVA 01798691000 - Tutti i diritti riservati facebook(1)googleplustwitteryoutube


Realizzazione Siti Web
Web Agency Roma
Maxisito